RetiAmbiente è una società per azioni a totale capitale pubblico, partecipata da 99 comuni delle province di Pisa, Livorno, Lucca e Massa Carrara. La costituzione della società, avvenuta alla fine del 2011, si inscrive in un complesso percorso finalizzato all’individuazione di un unico soggetto cui affidare lo svolgimento del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati nell’ambito territoriale ottimale “A.T.O. Toscana Costa”, così come definito dalle legge regionale toscana 28 dicembre 2011, n.69, nonché dalle modifiche apportate ai sensi del comma 5, Art.30, di detta legge. L’affidamento del servizio a un unico soggetto gestore per ciascuno dei tre ambiti territoriali ottimali toscani ha lo scopo di superare la frammentazione delle attuali gestioni.

 

Sulla base di quanto stabilito da una maggioranza amplissima dei comuni afferenti all’A.T.O. Toscana Costa, è stata scelta - quale forma di gestione unitaria del servizio - una società a capitale misto partecipata dai comuni suddetti, oltre che da un socio privato di carattere industriale, selezionato con procedura ad evidenza pubblica e destinato ad acquisire una partecipazione pari al 45% del capitale sociale e l’affidamento di “specifici compiti operativi connessi alla gestione del servizio”.

Il percorso delineato prevedeva:
a) la costituzione di una società a totale capitale pubblico da parte dei comuni appartenenti all’ATO Toscana Costa; b) un successivo aumento di capitale da parte dei comuni soci da realizzarsi attraverso il conferimento ex artt. 2343 e ss. c.c. di beni in natura costituiti per lo più dalle partecipazioni detenute dai comuni nelle società pubbliche attualmente svolgenti il servizio di gestione dei rifiuti urbani; c) un ulteriore aumento di capitale da sottoscriversi ad opera del socio privato nel frattempo selezionato con gara pubblica.

Conclusa la capitalizzazione della società ad opera dei soci pubblici e giunta parallelamente al termine la procedura di selezione del socio privato, potrà aver luogo la sottoscrizione dell’aumento di capitale ad esso riservato. E’ poi previsto che le società interamente pubbliche, attualmente svolgenti il servizio rifiuti, le cui azioni sono state conferite in RetiAmbiente S.p.A., siano fuse per incorporazione con quest’ultima, in modo da realizzare l’obiettivo di un unico soggetto gestore, con cui l’Autorità servizio rifiuti stipulerà il contratto di servizio.